vivere in spagna

Vado a vivere in Spagna.

Di cosa ho bisogno? Come trovo un alloggio e un lavoro?


Queste sono le prime di una serie di domande che vi porrete se pensate di andare a vivere in Spagna. La spagna è il paese che forse attrae di più noi italiani un po’ per la vicinanza ma anche per lingua e la cultura “relativamente” similari alle nostre.  La scegliamo infatti come meta per le nostre vacanze e talune volte anche come paese di residenza per chi decide di emigrare definitivamente all’estero. Possiamo affermare tra l’altro che la Spagna ha diversi punti in comune con l’Italia, in cima alla lista ci sono sicuramente il clima mediterraneo e la bellezza del territorio. Le basi per vivere in Spagna sono più o meno le stesse per chiunque abbia intenzione di trasferirsi, sia che siate pensionati, studenti, amanti della tierra espanola, oppure giovani in cerca di lavoro.

Elenchiamo dunque i punti cardine:


Spagna o non Spagna?


È inutile dire che innanzitutto dovrà piacervi il paese, per cui ne consegue il consiglio di fare un intenso giro d’ispezione. Organizzate un viaggetto medio-lungo per testare il territorio e reperire quante più informazioni possibili. Analizzate le varie zone e dopo aver trovato la città che fa al caso vostro continuate con dei giri esplorativi per capire se ci sono opportunità lavorative. In questo modo riuscirete a prendere la scelta di vivere in Spagna senza nessun dubbio celato. Vi elenchiamo inoltre dei PRO e dei CONTRO del vivere in Spagna estrapolati da diversi sondaggi.

PRO:

  • Lingua abbastanza comprensibile
  • Vicinanza all’Italia
  • Fiscalità meno “esagerata”
  • Incentivi per chi assume (Puoi trovare lavoro)
  • Tradizioni Culinarie

CONTRO:

  • Stipendi mediamente più bassi
  • Burocrazia lenta

Scegli tra le varie città della Spagna, dove vuoi trasferirti!


La Spagna consta di ben 17 comunità autonome oltre alle due città che si trovano in Marocco (Melilla e Ceuta), potrete dunque immaginarne la vastità. Per questo motivo abbiamo stilato una lista delle città che, lavorativamente parlando, sembrano essere le migliori.

  • Madrid
  • Barcellona
  • Valencia
  • Alicante
  • Ibiza
  • Paesi Baschi
  • Tarifa

In queste città dovreste essere agevolati a trovare lavoro nel campo della ristorazione anche se il vostro obiettivo è quello di aprire un’attività. Offrono inoltre molte offerte a professionisti specializzati nei campi delle energie rinnovabili, nel settore farmaceutico, e nelle telecomunicazioni. Qualunque città è invece adatta per i Freelancer e per chi lavora da remoto (online), potranno dunque rivolgere l’attenzione alle mete esotiche del sud, come le Isole Canarie.

Conoscere la lingua.


Nell’immaginario comune lo Spagnolo è simile all’italiano, questo concetto è in parte vero perché se l’interlocutore che ascoltiamo scandisce le parole riusciamo a capirne il senso, ma d’altra parte errato perché parlarlo vi risulterà abbastanza complicato. Per cui se avete intenzione di trasferirvi a vivere in Spagna, quindi cercare lavoro, dovrete conoscere almeno le basi della lingua in modo da formulare frasi di senso compiuto ad esempio durante un colloquio di lavoro. La lingua ufficiale è lo Spagnolo o più dettagliatamente “spagnolo castigliano” più altre quattro lingue o dialetti che sono: il catalano, il basco, il galiziano e l’aranese. Oltre allo Spagnolo ti tornerà utile conoscere qualcosina del catalano se la tua meta definitiva è Barcellona.

Documenti necessari per vivere in Spagna.


Innanzitutto specifichiamo che se siete cittadini dell’Unione Europea non sarà necessario richiedere un visto poiché sarete già possessori del diritto di residenza. Per vivere in Spagna, quindi per risiedervi ufficialmente, dovrete necessariamente reperire questi 3 specifici documenti:

  1. L’Empadronamiento:

in pratica sarebbe l’iscrizione all’anagrafe Spagnola. In teoria è il documento che vi dà diritto ad iscrivere a scuola i vostri figli e ricevere eventuali rimborsi delle tasse. Inoltre vi darà accesso alla disoccupazione e non meno importante avrete il diritto all’assistenza sanitaria. Potrete richiedere L’Empadronamiento al Municipio del Comune di residenza (Ayuntamiento).

 

  1. NIE (Nùmero de Identidad de Extranjero):

Letteralmente significa numero d’identificazione dello straniero, cioè l’equivalente del nostro codice fiscale che potrete richiedere al più vicino commando di Polizia. Questo documento vi verrà richiesto per trovare lavoro, per il contratto di fitto, per acquistare una scheda telefonica e anche per la richiesta del terzo documento cioè

 

  1. La Seguridad Social:

L’italiana INPS. Vi verrà rilasciato questo documento indispensabile per l’assegnazione di un medico di famiglia, per i contributi pensionistici e l’iscrizione al collocamento oltre alla possibile partecipazione a concorsi pubblici. Da richiedere alla Tesoreria General de la Seguridad Social di zona.

Cercare un alloggio in Spagna.


Cercare un alloggio in Spagna è molto semplice. Oggi su internet siamo in grado di trovare vari tipi di abitazioni, dall’albergo all’appartamento oltre al fatto che è possibile iscriversi a gruppi di Facebook in cui troverete consigli utili a riguardo.  Se pensate di trascorrere un lungo periodo in Spagna, il nostro consiglio è di prenotare una stanza d’albergo per la prima settimana; durante la quale, girando per il quartiere potrete cercare un appartamento che si adatti alle vostre esigenze. Vederlo di persona vi permetterà di evitare spiacevoli inconvenienti.

Trovare lavoro in Spagna


Come per la casa anche per trovare lavoro vi consigliamo di affidarvi alle risorse online che oggi “fortunatamente” abbiamo a disposizione. Prima di immergervi nella ricerca, però, sappiate che per qualsiasi lavoro dovrete presentare i seguenti documenti:

  • Il NIE (Numero de Identidad de Extranjero)
  • Il numero di telefono
  • Curriculum tradotto in Spagnolo

Una volta in possesso del necessario potrete ricercare lavoro e affidarvi, come dicevamo prima, alle fantastiche risorse online, così, tra siti web come InfoJobs, Trabajos, Tecnoempleo, Adecco, e social Network come Linkedin, riuscirete a trovare sicuramente offerte di lavoro plurisettoriali.

Aprire un’attività in Spagna!


Inutile dirvi di pianificare attentamente e dettagliatamente una scelta del genere, perché come nella maggior parte dei paesi Europei, anche in Spagna c’è tutto un iter da seguire. La procedura tutto sommato vi sembrerà abbastanza semplice; infatti, come in Italia dovrete essenzialmente aprire una Società. Una volta aperta dovrete registrare l’inizio dell’attività alla Ventanilla Unica, cioè lo sportello in cui si dichiarano tutte le nuove attività, conseguentemente potrete aprire la partita iva spagnola. Le cose si complicano un po’ se la vostra nuova attività necessita di licenze. Purtroppo o per fortuna, ogni provincia della Spagna ha delle specifiche leggi interne che variano per altro in base a specifici regolamenti settoriali. Per cui, i modi per regolamentare il vostro lavoro sono due; o dovrete spulciare con pazienza le varie norme regionali, oppure potrete affidarvi ad un bravo commercialista di zona che vi aiuterà nel miglior modo possibile.

Quanto costa vivere in Spagna?


Eccoci arrivati al nocciolo della questione, la domanda da un milione di dollari; Quanto Costa vivere in Spagna? Per rispondere a questa domanda bisogna considerare una serie di fattori come ad esempio la città, in base alla quale i costi degli affitti variano. Per il momento sembra essere Barcellona la meta più costosa per quanto riguarda gli affitti con circa 800 € mensili. In ordine decrescente troviamo Madrid fino a Valencia o Bilbao in cui i costi sono più moderati. Se pensiamo alla spesa delle utenze invece, non c’è tanta differenza con l’Italia. Infatti per la luce potremmo spendere in media 40€ al mese, come anche per il gas. L’acqua di solito è compresa nel prezzo dell’affitto e le bollette telefoniche inoltre vi costeranno circa €25-30 mensili. Abbiamo pensato dunque di stilare una lista delle spese mensili, calcolate per eccesso, basate sul nucleo familiare di una coppia con un bambino:

2 ADULTI e 1 BAMBINO per un mese:


  • Affitto: ……………………………… 700€
  • Asilo: ………………………………… 100 €
  • Spesa: ……………………………….. 250€
  • Luce: ………………………………….. 40€
  • Gas: …………………………………… 40€
  • Internet/telefono: ………………. 30€
  • Parcheggio auto + Benzina: …. 50€/90€
  • Trasporti: ……………………………. 30€
  • Palestra: ……………………………… 30€/50€
  • Parrucchiere: ………………………. Uomo 12€ – Donna 20€
  • Costi aggiuntivi: …………………… 200€

Relativo ai costi aggiuntivi intendiamo eventuali uscite e spese settimanali, per cui, per un totale lordo di €1.562, una famiglia di 3 persone può vivere in Spagna. Ovviamente in base alle esigenze i costi variano, ma essenzialmente non differiscono molto dalla nostra Italia. L’unica differenza con l’Italia sono una piccolissima porzione di tasse in meno e il costo della vita generalmente più contenuto.

Speriamo di essere riusciti a riassumere al meglio le cose essenziali da sapere per poter vivere in Spagna. Se avete domande o informazioni aggiuntive rispetto a quelle che vi abbiamo elencato in questo articolo, scrivetele nei commenti, cosi da aiutarci a migliorare il nostro articolo.

Condividi questo articolo

CERCA IL TUO ALLOGGIO

Booking.com

METTI MI PIACE E CONDIVIDI

SEGUICI SU INSTAGRAM

  • relaxing relax love nature travel instagood photography sun happy spa
  • Buongiorno moooondo Good morning woooorld!     adventure
  •    us usa america unitedstates toptags travel traveling
  • Una super citt romantica Venezia    italy italian
  •     sky sun sunset toptags sunshine sol
  • Lorizzonte    panorama panoramaridge toptags panoramas stayandwander panoramanyc
  • Linfinito   artofvisuals toptags iclandscapes keepitwild huffpostgram landscape adventure
  • Lincanto   landscape amazing view trip tree sky mountains
  • A paradise near koh Larn island instatravel travelmemories lifeofexploring travelingram

le migliori offerte per te

dove dormire in spagna
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.